MIGLUSTAT Effeti Indesiderati e Collateralli

Che cos’e MIGLUSTAT?


Miglustat è un farmaco usato per trattare la malattia di Gaucher. Inibisce l’enzima glucosilceramide sintasi, un enzima essenziale per la sintesi della maggior parte dei glicosfingolipidi. È usato solo per i pazienti che non possono essere trattati con terapia sostitutiva enzimatica con imiglucerasi. Miglustat è commercializzato con il nome commerciale Zavesca. Miglustat è ora la prima e unica terapia approvata per i pazienti con malattia di Niemann-Pick di tipo C (NP-C). È stato recentemente approvato per il trattamento dei sintomi neurologici progressivi in ​​pazienti adulti e pediatrici nell’Unione Europea, in Brasile e in Corea del Sud. Miglustat è stato sviluppato per la prima volta come agente anti-HIV negli anni ’90. Tuttavia, l’esperienza clinica con miglustat ha dimostrato che i livelli terapeutici del farmaco non potevano essere raggiunti in pazienti senza un’alta incidenza di effetti avversi.

Dove vienne usata MIGLUSTAT?

Per il trattamento di pazienti adulti con malattia di Gaucher di tipo 1 da lieve a moderata (non neuropatica) per i quali la terapia sostitutiva enzimatica non è un’opzione terapeutica (ad esempio a causa di vincoli quali allergia, ipersensibilità o scarso accesso venoso). Ora approvato in alcuni paesi per il trattamento dei sintomi neurologici progressivi in ​​pazienti adulti e pediatrici con malattia di Niemann-Pick di tipo C (NP-C).

MIGLUSTAT Precauzioni

  • Nessuna Precauzione Speciale

Effeti Indesiderati e Collaterali di MIGLUSTAT

  • Nessun Effetto Collaterale

Sicurezza di MIGLUSTAT

GRAVIDANZA – SICURO
ALLATTAMENTO – SICURO
PEDIATRICO – SICURO
ANZIANI – SICURO
INSUFFICIENZA RENALE – SICURO
INSUFFICIENZA EPATICA – SICURO
INSUFFICIENZA POLMONARE – SICURO

Reazioni di MIGLUSTAT


Nessuna Reazione Crociata

MIGLUSTAT Dosagio


La Dose Iniziale è Di 100 Mg Per Via Orale 3 Volte Al Giorno; La Riduzione A 100 Mg Una O Due Volte Al Giorno Può Essere Necessaria In Alcuni Pazienti A Causa Della Diarrea. Miglustat è Stato Anche Usato Per Il Trattamento Della Malattia Di Niemann-pick, Tipo C. Somministrazione Nell’insufficienza Renale. La Dose Iniziale Di Miglustat Deve Essere Ridotta Nell’insufficienza Renale In Base Alla Clearance Della Creatinina Del Paziente (cc): Cc Da 50 A 70 Ml / Minuto Per 1,73 M2: 100 Mg Due Volte Al Giorno Cc Da 30 A 50 Ml / Minuto Per 1,73 M2: 100 Mg Al Giorno Cc Inferiore A 30 Ml / Minuto Per 1,73 M2: Non Raccomandato

Nomi commerciali di MIGLUSTAT in Mercato:


MIGLUSTAT si può trovare in farmacia con questi nomi:
ZAVESCA da ALMAC PHARMA SERVICES LTD come CAP – EACH CONTAINING 100 MG MIGLUSTAT FOR ORAL ADMINISTRATION.
e può essere usato per
PAC: LA DOSE INIZIALE È DI 100 MG ALLA BOCCA 3 VOLTE GIORNALIERE; LA RIDUZIONE A 100 MG UNA VOLTA O DUE VOLTE AL GIORNO PUO ‘ESSERE NECESSARIA IN ALCUNI PAZIENTI A CAUSA DI DIARRHEA. PAZIENTI CON INSUFFICIENZA RENALE – VEDERE LIT.


ZAVESCA – (UK) da ACTELION-BP come CAP – 100 MG
e può essere usato per
PAC: LA DOSE INIZIALE È DI 100 MG ALLA BOCCA 3 VOLTE GIORNALIERE; LA RIDUZIONE A 100 MG UNA VOLTA O DUE VOLTE AL GIORNO PUO ‘ESSERE NECESSARIA IN ALCUNI PAZIENTI A CAUSA DI DIARRHEA. PAZIENTI CON INSUFFICIENZA RENALE – VEDERE LIT.


Come funziona MIGLUSTAT?

Miglustat funziona come un inibitore competitivo e reversibile dell’enzima glucosilceramide sintasi, l’enzima iniziale in una serie di reazioni che porta alla sintesi della maggior parte dei glicosfingolipidi. L’obiettivo del trattamento con miglustat è ridurre il tasso di biosintesi glicosfingolipidica in modo tale che la quantità di substrato glicosfingolipidico sia ridotta a un livello tale da consentire all’attività residua dell’enzima glucocerebrosidasi carente di essere più efficace (terapia di riduzione del substrato), riducendo l’accumulo di glucocerebroside nei macrofagi. Studi in vitro e in vivo hanno dimostrato che il miglustat può ridurre la sintesi di glicosfingolipidi a base di glucosilceramide. Negli studi clinici, il miglustat ha migliorato il volume del fegato e della milza, nonché la concentrazione di emoglobina e la conta piastrinica. L’inibizione della sintesi glicosfingolipidica ha anche dimostrato di ridurre la conservazione dei lipidi intracellulari, migliorare l’assorbimento endosomiale in fase fluida e normalizzare il trasporto lipidico nei linfociti B del sangue periferico nei pazienti NP-C, con conseguente riduzione dell’accumulo potenzialmente neurotossico di gnagliosidi G M2 e G M3 , lattosylceramide e glucosylceramide, che potrebbero prevenire ulteriori danni neuronali. Altri studi hanno anche suggerito che il miglustat può modulare indirettamente l’omeostasi del calcio intracellulare attraverso i suoi effetti sui livelli di glucosilceramide e prove hanno dimostrato che un fattore iniziale nella patogenesi dell’NP-C può essere l’omeostasi del calcio compromessa correlata alla conservazione della sfingosina. Pertanto, l’effetto che il miglustat esercita sui livelli di calcio intracellulare può influenzare un importante meccanismo patogeno sottostante dell’NP-C.

STRUTTURA MOLECOLARE


Per Altri Effeti Indesiderati visita nostro home pagina

Lascia un commento